Quel Sorriso

Il Suo era un Sorriso di quelli che non si scordavano, era di quelli che nascevano all’improvviso

e all’improvviso se ne andavano creando un abisso tra il pensiero e l’equilibrio. C’era un punto

proprio a un lato delle labbra dove si appoggiava il primo e un altro punto, esattamente dalla

parte opposta, dove danzava, fanciullesco, il secondo. Quando lei lo guardava e la fossetta del

pensiero si accentuava, lasciava scivolare lo sguardo dall’altro lato, copiandone l’inclinazione …

solo allora Lui le chiedeva – perché sei triste? – e lei si meravigliava ogni volta di non aver perso

l’equilibrio. – Non sono triste – e gli tendeva la mano per aiutarlo a precipitare

in quella fossetta. Solo dopo che le mani si erano incontrate  nell’urgenza di sposarsi,

il fanciullo si lasciava dondolare e lei capiva come mai era la sola a scorgerlo …

su quel Sorriso, sul lato destro di quel Meraviglioso Sorriso non c’era una fossetta che

sembrava inclinarsi appena ci si specchiava, ma un riflesso, pieno di tenerezza …

quella che provava lei ogni volta che l’equilibrio ce la portava proprio al centro,

lasciandola planare Felice , Innamorata nello specchio dell’Amore.

=====================

-Norma-

Quel Sorrisoultima modifica: 2016-05-31T06:49:58+00:00da NORMAGIUMELLI
Reposta per primo quest’articolo

Comments are closed.